Itinerari Fotografici

 

Le cascate del Serio

a cura di: Emilio Menin

DOVE : Come si raggiunge - itinerario consigliato

Dall'uscita Bergamo dell'Autostrada A4 si seguono le indicazioni per la Valle Seriana fino a Ponte Selva;
lasciando sulla destra il tratto per Clusone/Presolan a , allo stop si prosegue diritti per Valbondione. Superati gli abitati di Ardesio, Gromo e Gandellino, sempre rimanendo sul percorso principale, si supera l'abitato di
Fiumenero e, dopo circa 50 km. da Bergamo, si arriva a Valbondione posta a 900 mt.s.m.
Nelle domeniche di apertura delle Cascate apposito personale autorizzato richiederà, all'ingresso del paese, un diritto di parcheggio di 3 euro,valido per tutto il territorio, e rilascerà l'apposito scontrino, da esporre ben visibile, ed una busta con materiale turistico.
Per raggiungere il punto di migliore osservazione delle Cascate occorre seguire la mulattiera per il Rifugio Curò (segnavia CAI N.305) ben indicata e di facile percorrenza.
Lasciato l'abitato la mulattiera si snoda sul lato destro della Valle, sinistra orografica del Serio, attraversando boschi di faggi e conifere con una pendenza costante ma non faticosa; superato un punto di ristoro e la successiva stazione di partenza della teleferica che porta i materiali al Rifugio Curò, si attraversa su un ponticello di cemento un piccolo torrente affluente del Serio e si arriva ad un grande prato che costituisce la tribuna naturale per l'osservazione delle Cascate. Durata media del percorso dall'inizio della mulattiera circa 50 minuti.
In prossimità della partenza della teleferica un tabellone turistico riporta i percorsi ed i luoghi più interessanti della zona.

PERCHE' : Descrizione - Motivi di interesse - soggetti da riprendere

Le Cascate del fiume Serio sono le seconde in Europa per altezza e con i tre salti per un totale di 315 metri hanno sempre costituito una grossa attrazione fin dai primi flussi turistici dell'Ottocento. Lo sbarramento idroelettrico del Barbellino ha però impedito il naturale corso del Serio e solamente cinque volte durante l'anno l'accordo tra il Comune di Valbondione e l'ENEL consente la riapertura parziale dello sbarramento ed il conseguente manifestarsi delle Cascate.
Può anche capitare , al di fuori di queste occasioni, di poter osservare le cascate in periodi di piogge molto abbondanti o nel caso di lavori di manutenzione della diga.
Nelle date concordate di anno in anno, dalle 11 alle 11,30 le Cascate riprendono vita e richiamano una moltitudine di turisti, soprattutto nella domenica di Luglio che, per tradizione, rimane quella che ricorda la prima riapertura ufficiale nei lontani anni settanta.
La fase dell'apertura del flusso d'acqua, che viene segnalato da una sirena, è il momento più suggestivo che consente di vedere progressivamente formarsi i tre salti e che culmina con la visione completa delle cascate. Ci sono molti spunti fotografici offerti dai turisti che popolano la valle con scenette estemporanee da classico reportage, spesso umoristico; non mancano riprese di tipo paesaggistico, fotografie di fiori, quando la stagione è propizia, ed anche vecchie baite con interessanti scorci e dettagli.
Le persone più allenate possono accoppiare alla visione delle Cascate anche la facile escursione al Rifugio Curò che domina la Valbondione e che si trova a 1900 mt. In prossimità del Lago artificiale del Barellino. Il tempo di percorrenza per raggiungere il rifugio è di 2,30 ore da Valbondione. Alcuni turisti preferiscono arrivare al rifugio il Sabato precedente l'apertura delle cascate, pernottare e poi, la Domenica mattina scendere a godersi lo spettacolo.
Coloro che volessero poi far ritorno a valle per un diverso percorso possono scendere per il ripido sentiero che partendo dal suddetto prato, raggiunge un pianoro sottostante dove scorre il Serio.
Attraversatolo su un tipico ponte in pietra ci si porta sulla sua destra e si raggiungono dei gruppi di tipiche baite alpine,in parte ristrutturate, che costituiscono l'antico borgo di MASLANA che domina la valle da un terrazzo naturale. Da qui si scende poi a Valbondione con un percorso ripido e veloce ma sempre ben indicato ed agevole.

COME : Consigli fotografici su obiettivi

L'itinerario si presta a diversi generi fotografici : reportage, paesaggio, macrofotografia e di conseguenza l'attrezzatura verrà scelta sulla base delle proprie preferenze ed anche in considerazione ... del peso da trasportare!! Le ottiche possono essere dal 24 al 200 mm. con l'eventuale aggiunta di un obiettivo macro.La ripresa della fase di apertura potrebbe essere particolarmente interessante e richiede comunque l'uso del cavalletto . ATTENZIONE ai cavi elettrici che attraversano la valle ed al fatto che la salita di mattina si sviluppa quasi tutta in ombra e conseguentemente non sono rare le dominanti azzurro/blu che però non richiedono filtri di conversione soprattutto se la giornata è serena.

QUANDO : Periodo migliore

La scelta del periodo è obbligatoria e per il 2017 sono previste cinque giornate per l'apertura ufficiale delle Cascate: 18 Giugno, 20 Agosto, 27 Settembre e 15 Ottobre dalle 11 alle 11,30 mentre il 15 Luglio ci sarà l'apertura notturna dalle 22 alle 22,30. In fondo alla pagina maggiori indicazioni su come reperire informazioni sempre aggiornate.
La scelta è ampia e si raccomanda comunque di mettere in programma una buona dose di pazienza per affrontare le immancabili code che saranno particolarmente fastidiose soprattutto nelle Domeniche di Luglio e Settembre. E' sempre consigliabile arrivare nella prima mattinata e, se non ci sono altri interessi, rientrare subito dopo il pranzo.

INDIRIZZI UTILI : Informazioni - dove dormire - dove mangiare

L'aspetto più propriamente "alimentare" può essere agevolmente risolto con una sana colazione al sacco, eventualmente acquistando il necessario in loco presso i diversi esercizi che sono sempre attivi durante i giorni di apertura delle cascate. Per coloro che preferiscono invece "mettere le gambe sotto il tavolo" ci sono alcuni ristoranti a Fiumenero(circa 4 km a valle) ed a Lizzola (circa 6 km a monte) che è una nota stazione sciistica bergamasca posta proprio alla testata della Valle. Queste due località formano insieme a Bondione, punto di partenza dell'escursione, il Comune di Valbondione.

Agriturismo " Stala di mostacc " a Fiumenero tel.0346 - 44113
Albergo - Ristorante Morandi a Fiumenero tel.0346 - 44001
Pizzeria Cavandola a Lizzola tel 0346 - 47703
Rifugio Curò (apertura da Giugno ad Ottobre) tel 0346 - 44076
Ufficio Turistico Valbondione tel 0346 - 44090
Associazione culturale SOPHIA - Valbondione tel.0346 - 44018
Camping Valbondione - Via casa Corti 3 - tel.0346 - 44088
Rifugio "Goi del cà" di Alberti Giancarlo - loc. Maslana - tel 334 - 3192663

Per eventuali pernottamenti e soggiorni contattare direttamente l'Ufficio Turistico indicato.

I giorni di apertura delle cascate ed i relativi orari del 2017 sono indicati nel sito: http://www.vivisulserio.it
Informazioni telefoniche presso STL (Sviluppo Turistico Lizzola): 0346-47575 oppure 0346-44090


In considerazione della crisi idrica tali date sono soggette all'approvazione dell'ENEL e potrebbero essere modificate od annullate.

Si raccomanda di chiedere conferma anticipatamente al Comune di Valbondione (tel.0346/44004)